Cloud e privacy: il governo USA può controllare i dati dei cittadini europei

Venerdì, 08 Febbraio 2013 00:00
Il governo USA può accedere ai dati immagazzinati nei servizi cloud d'Europa. Lo ha sostenuto Caspar Bowden, ex capo della privacy di Microsoft.

Cloud e privacy


Alcuni già lo temevano e Caspar Bowden, ex capo della privacy di Microsoft, lo ha confermato durante un intervento a Bruxelles: il governo degli Stati Uniti può accedere ai dati immagazzinati nella "nuvola" dai cittadini europei, sebbene la legislazione europea non lo preveda. A correre questo rischio sarebbero tutti i cittadini che utilizzano i servizi cloud di Amazon, Apple, Microsoft e Google.

Secondo il trattato di Mutua assistenza legale, un governo può accedere alle informazioni dei cittadini di un altro Paese solo dopo aver seguito un determinato iter e aver specificato il motivo della richiesta. Tuttavia, il Fisa — Foreign Intelligence Surveillance Act —, una legge approvata dal Congresso nel 1978 ed emendata nel 2001, autorizza il governo statunitense ad acquisire informazioni sui cittadini americani e non. Nel 2008 al Fisa è stata aggiunta una sezione riguardante i dati immagazzinati nella cloud, estendendo così il potere di controllo degli USA anche in quell'ambito.

Questa è a grandi linee la situazione legislativa, ma la realtà è che usare servizi cloud americani (pensiamo per esempio a Facebook o a Google Drive), pur vivendo in Europa, comporta comunque la possibilità di un'ispezione da parte delle autorità americane. La situazione non cambia se i dati ispezionati si trovano in un data center europeo. Spesso, infatti, le grandi aziende informatiche aprono sedi in Europa per motivi fiscali, ma continuano a rispondere alle leggi americane.

Anche un nuovo studio dell'Unione Europea, intitolato Fighting Cyber Crime and Protecting Privacy in the Cloud, conferma che la legislazione attuale ha forti implicazioni sui diritti fondamentali della UE, perché permette agli USA di estrarre informazioni dalla cloud senza alcun preavviso o consultazione.

Letto 7278 volte

Articoli correlati (da tag)

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.