Dopo MegaUpload, Kim Dotcom lancia Mega, un servizio di cloud storage

Lunedì, 21 Gennaio 2013 00:00
È online Mega, il servizio di cloud storage che sostituisce MegaUpload, popolare sito di file hosting oscurato nel gennaio 2012 per violazione di copyright e pirateria.

"Siamo un gruppo di tecnici che hanno avuto il tempo e la possibilità di costruire un impressionante servizio di cloud storage che aiuterà a proteggere la vostra privacy. Abbiamo programmato questo servizio Internet da zero ad Auckland, in Nuova Zelanda. Diversamente dalla maggior parte dei nostri concorrenti, noi usiamo uno stato di crittografia basato su browser in cui voi stessi controllerete le keys. Il nostro gruppo di progettazione comprende Kim Dotcom, Mathias Ortmann, Bram van der Kolk e Finn Batato. Il nostro CEO, veterano del settore Tony Lentino, ha esperienza nella gestione di un registro rinomato di dominio globale. Speriamo che vi piaccia.": questa è la presentazione degli sviluppatori di Mega, il nuovo servizio di cloud storage, attualmente disponibile in versione beta e inaugurato il 20 gennaio 2013.

Con Mega, ogni utente ha a disposizione 50 Gb di spazio online per caricare i propri file e tre servizi pro. Mega sostituisce MegaUpload, il popolare sito di file hosting oscurato nel gennaio 2012 dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti d'America per violazione di copyright e pirateria, ma è diverso dal suo predecessore. Infatti, il fornitore di cloud storage declina ogni responsabilità da violazione del copyright, lasciando all'utente il controllo e la responsabilità dei contenuti condivisi: i file memorizzati sono crittografati, e per permetterne la lettura è necessario fornire la chiave crittografica, oltre al link di scaricamento. 

Senza la chiave, quindi, i file sono illeggibili anche per le autorità governative, e irraggiungibili dai motori di ricerca. In parole povere, gli utenti sono liberi di decidere quali contenuti condividere e con chi, perché possiedono la chiave crittografica, mentre il fornitore mette a disposizione solo lo spazio per caricare i contenuti e non è responsabile dei file coperti da copyright, in quanto non può sapere cosa viene caricato sui propri server, né può accedervi.

Letto 8984 volte

Articoli correlati (da tag)

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.